ATTACCHI DI PANICO – UN VIAGGIO ATTRAVERSO SE STESSI
di Donatella De Bartolomeis

… Ognuno di noi ha sperimentato l’ansia, la preoccupazione, la paura, emozioni che, seppur forti e alle volte, apparentemente, insostenibili, hanno avuto nella nostra esistenza lo stesso “valore” del granello di sabbia per l’ostrica.
Quando un corpo estraneo, come un granello di sabbia, penetra nella conchiglia, per difendere i propri tessuti, l’animale lo ricopre con strati di madreperla dando vita a una perla.
Al contrario troppi granelli inquinano il frutto di mare, lo soffocano e lo opprimono fino a distruggerlo.
Il mio obiettivo, come operatrice nelle relazioni d’aiuto, è quello di affiancare e sostenere le persone nella  trasformazione dei loro granelli di sabbia in perle preziose attraverso un’esperienza corporea che mira a ristabilire l’equilibrio energetico attuando una trasformazione che porta l’individuo a una maggiore consapevolezza del sé, sé inteso nella dimensione corpo-mente-spirito.
Nell’ambito di questo cammino la nostra abilità, come precisa in maniera molto chiara e inequivocabile Franco Bottalo nel suo romanzo “Il volo del cuore”,  paragonando l’operatore a una guida di montagna,
[…] non consiste nel volare il più in alto possibile, ma piuttosto nell’arrivare, grazie alla sua conoscenza della montagna che si appresta a salire, fin dove il suo cliente può arrivare in base alle sue condizioni generali e specifiche del momento.
[…] Non è previsto che una guida si prenda il cliente in spalla e nemmeno che porti il suo bagaglio, tranne casi eccezionali di pericolo.
[…]E arrivati in vetta i ruoli di guida e cliente scompaiono, a entrambi non resta da fare che una cosa: contemplare! […]”